Linkedin: trafugate 6.5 milioni di password

Riportiamo integralmente da webnews, in quanto importante.

L'articolo originale lo trovate qui.

Un utente ha pubblicato su un forum russo una forte minaccia per la credibilità di LinkedIn: il file portato online conterrebbe infatti 6,5 milioni di password estrapolate direttamente dai server del social network professionale, facendo così teoricamente propri 6,5 milioni di account attivi.

La veridicità del documento è ancora tutta da confermare, ma l’ipotesi appare verosimile sulla base di alcuni indizi raccolti tra le password elencate. LinkedIn al momento non ha ancora fornito spiegazioni né conferme, ma ha comunicato di aver preso visione del problema e di voler diramare aggiornamenti sulla situazione non appena possibile e non appena in possesso di informazioni certe su quanto accaduto.
Click here to find out more!

Le password sarebbero protette da crittografia con algoritmo SHA-1, il che dovrebbe mettere la maggior parte degli account al sicuro. Non per tutti sarà però così, il che determina una situazione di rischio potenziale che ha spinto Graham Cluley, esperto di sicurezza Sophos, a consigliare a tutti, indiscriminatamente, il cambio della propria password sul social network.

Per effettuare tale operazione è sufficiente un login sul proprio account, un click su “impostazioni” sotto il proprio nome in alto a destra e quindi un ultimo click su “cambia” in relazione al campo “password”.

Il problema di sicurezza in casa LinkedIn giunge a distanza di poche ore dalla scoperta di alcune informazioni in chiaro che il social network recupera dall’utenza utilizzante l’applicazione dedicata per iOS: la comunione delle due situazioni costringerà il gruppo ad una chiara presa di posizione per spiegare sia l’una che l’altra falla. Problemi di questo tipo rischiano infatti di mettere in discussione l’immagine e la credibilità dell’intero social network, il che impedisce di temporeggiare ed impone reazioni immediate a garanzia della sicurezza e della bontà del sistema messo al servizio degli utenti.

Articoli Correlati